Allacciamento e annullamento utenze gas e luce: cosa sapere

3 maggio 2018

L’ allacciamento è il processo di collegamento alla rete elettrica o del gas di un nuovo impianto mentre si parla invece di voltura quando si procede ad un cambiamento di intestazione di un contratto già attivo. Il subentro invece è la semplice riattivazione di un contratto già stipulato in precedenza. Durante la voltura è bene sapere che non ci sarà mai un’interruzione della somministrazione di energia.

La pratica di allaccio è sicuramente quella più complessa e richiede numerosi dati sia personali del cliente, che dell’immobile con relativa dichiarazione di regolarità rispetto alla normativa edilizia.

Le procedure di voltura o subentro sono invece molto più semplici e rapide, e sono perlopiù pratiche amministrative.

L’ annullamento di un contratto invece presuppone un processo inverso. È fondamentale sapere che tutti i contratti di forniture energetiche possono essere rescissi in ogni momento gratuitamente e devono essere completati entro 40 giorni dalla richiesta di annullamento. L’annullamento viene comunicato direttamente dal nuovo fornitore al vecchio in modo da facilitare le operazioni di trasferimento per l’utente. Può capitare di trovarsi vittime di un contratto di fornitura energetica non richiesto, estorto con l’inganno.

La legge tutela il consumatore e gli dà il diritto di ripensamento che gli consente di bloccare tutte le conseguenze derivanti dalla firma del contratto. Se il passaggio al venditore è già in atto si applicherà una procedura di ripristino al vecchio fornitore.

Nel caso in cui il fornitore di energia non collabori è possibile ricorrere all’Autorità giudiziaria