Come funziona la cessione del quinto?

3 maggio 2018

La cessione del quinto è una tipologia di prestito personale che prevede la restituzione della somma richiesta attraverso la cessione di una quota dello stipendio, o della pensione, per una durata massima di 120 mesi. Il tasso a cui viene abitualmente erogato è fisso e le persone che possono richiedere questa tipologia di finanziamento sono sia i dipendenti pubblici che statali, oppure i pensionati.

La cessione del quinto è una tipologia di prestito personale che non richiede garanzie particolari, se non un’assicurazione obbligatoria, perché il finanziamento viene garantito dal TFR maturato durante l’attività lavorativa.

L’assicurazione invece tutela l’ente erogatore del finanziamento dal rischio di vita ed eventualmente dalla perdita del lavoro. Essendo il TFR l’unica tipologia di garanzia sulla quale potersi rivalere, per legge, non è possibile, da parte del dipendente, richiedere anticipi sul TFR.

Per aprire una richiesta di cessione del quinto è sufficiente oltre alla documentazione anagrafica anche l’inquadramento della posizione lavorativa e reddituale. Il lavoratore dipendente deve sottoscrivere una delega per l’autorizzazione del datore di lavoro al pagamento della rata de prestito che viene direttamente trattenuta dallo stipendio.

A questa tipologia di prestito possono accedere con più facilità anche coloro che hanno avuto problematiche legate al pagamento di precedenti finanziamenti perché sostanzialmente è un prestito garantito.